acqua aromatizzata estate

Bere molta acqua è di certo tra i principali consigli per un’alimentazione sana. E quest’ultima, come abbiamo già ribadito più volte, dovrebbe essere considerata non una dieta o un’imposizione, ma uno dei tasselli di uno stile di vita orientato al benessere.

Dovremmo sempre tenere a mente, infatti, che in 40 giorni il cibo si trasforma in cellule del corpo e quindi siamo letteralmente ciò che mangiamo.

Per chi non è abituato a farlo, bere molta acqua dovrebbe diventare un’abitudine, quasi un gesto meccanico. Ma no bevande gassate. Acqua pura e semplice, che aiuta il corpo in ogni sua funzione vitale e lo mantiene in vita ed efficiente al punto giusto. In media l’acqua da bere al giorno per un adulto è pari a circa due-tre litri. Gli esperti consigliano di bere due litri, mentre il resto del fabbisogno è soddisfatto da alimenti che contengono acqua, in particolare frutta e verdura. Un’alternativa sana ed equilibrata all’acqua pura e semplice, è l’acqua aromatizzata che, oltre a dissetare, vanta importanti proprietà disintossicanti. In questo articolo vediamo insieme il potere dell’acqua aromatizzata in estate: di cosa si tratta, come prepararla e a cosa serve.

Acqua aromatizzata estate: cosa è e come si prepara

Conosciuta anche col termine inglese infusing water, l’acqua aromatizzata è la nuova tendenza sul fronte delle bevande idratanti dopo gli estratti e i centrifugati, entrambi preparati con frutta e verdura.

Ma cosa s’intende esattamente per acqua aromatizzata? Un mix di acqua, erbe aromatiche, frutta, radici come per esempio lo zenzero e, volendo, anche fiori commestibili, lasciati in infusione in frigorifero per diverse ore, almeno 12, per permettere agli ingredienti di fare emergere le loro proprietà, i profumi e i sapori.

Il risultato? Acque “potenziate” dal sapore allettante con un plus di proprietà: detox, energetiche o rilassanti. Vanno bevute nel corso dell’intera giornata, ma sono perfette anche durante i pasti o gli aperitivi.

Per un’acqua aromatizzata bella oltre che buona, se vuoi proporla agli ospiti, ti consigliamo di servirla in grandi caraffe o nei barattoli di vetro monoporzione, da accompagnare con la cannuccia. Se poi si ha l’accortezza di prepararla con frutta colorata, a ringraziarti saranno le papille gustative ma anche gli occhi!

Acqua aromatizzata estate: a cosa serve

Dopo averti spiegato in che cosa consiste l’acqua aromatizzata, ora ti illustriamo per cosa si rivela utile. Se assunta durante il corso dell’intera giornata, l’acqua aromatizzata dà un senso di sazietà tra un pasto e l’altro. Il suo potere saziante è dato non tanto dal volume dell’acqua che riempie lo stomaco, ma soprattutto dalle sostanze di cui è ricca, sostanze che interagiscono con l’ipotalamo, la ghiandola che controlla e regola molte funzioni somatiche quali la termoregolazione, il sonno, il bilancio idro-salino e l’assunzione di cibo. L’acqua aromatizzata, quindi, svolge un naturale effetto sedativo e antifame.

L’acqua aromatizzata non ha calorie ed è anche ricca di vitamine antiossidanti. Vanta inoltre un gusto delicato e invitante che invoglia a bere i famosi due litri di acqua al giorno, considerati per molti un traguardo davvero difficile da raggiungere.

Acqua aromatizzata estate: ricetta detox

Leggendo ti abbiamo convinto sul potere dell’acqua aromatizzata in estate e vuoi sperimentare le sue proprietà disintossicanti? Ecco allora dei semplici consigli per preparare un’acqua aromatizzata detox: aggiungi all’acqua oligominerale non gassata fettine sottili di mela verde, un gambo e qualche foglia di sedano. A piacimento anche zenzero. Lascia in infusione in frigo, poi filtra l’acqua e bevila durante tutto il corso della giornata.

Acqua aromatizzata estate: altre ricette

Eccoti un altro paio di ricette per preparare acqua aromatizzata: in una caraffa da un litro e mezzo, possibilmente con tappo ermetico, aggiungi acqua oligominerale, qualche foglia di stevia (per dare un sapore più dolce) e poi un limone (importante che sia biologico per poter usare anche la buccia) tagliato a spicchi e sette-otto foglie di basilico. In alternativa, per una versione ancora più estiva, una manciata di mirtilli e qualche fetta di pesca.

Qui di seguito, invece, la ricetta per l’acqua aromatizzata “antifame”: aggiungi all’acqua una fetta di anguria tagliata a fettine sottili, qualche frutto di bosco e bacche di ginepro.

E ancora, se vuoi preparare un’acqua aromatizzata con effetto rilassante, aggiungi all’acqua due albicocche tagliate a pezzi e un cucchiaio di fiori di lavanda, mentre per un effetto antietà: cubetti di melone, foglioline di menta, fette di pesca e di limone.

Vuoi altre ricette per realizzare la tua acqua aromatizzata in estate? Il prestigioso sito web de La Cucina Italiana offre gustosi consigli con cui lasciare libera la fantasia e sbizzarrirsi, a totale beneficio della tua salute. Un esempio? Un modo originale di preparare l’acqua aromatizzata è con la frutta congelata insieme all’acqua all’interno di un portaghiaccio o anche semplicemente in bicchierini di plastica. In pratica, all’interno dei cubetti di ghiaccio puoi mettere dei fiori o dei piccoli frutti come mirtilli e pezzi di kiwi o fragole. Un’idea scenografica a cui è difficile resistere!

Oltre l’acqua aromatizzata in estate: i consigli per una dieta detox

Abbiamo detto che tra i principali effetti dell’acqua aromatizzata in estate, spicca quello disintossicante. Della dieta detox abbiamo già abbondamentente parlato, ricapitoliamo gli aspetti salienti.

Si sente spesso parlare di detox, termine che indica una pulizia del proprio corpo e, perché no, anche della propria mente, per ritrovare un benessere perduto o per iniziare un percorso di rinascita che passa anche dalla pratica yoga.

Ma cos’è una dieta detox? Una dieta detox si prefigge soprattutto di rimuovere dal corpo tossine ed elementi chimici tossici e dannosi. Dunque la perdita di peso si associa a una purificazione del corpo per permettere allo stesso di funzionare meglio e di eliminare le “scorie” che derivano dall’assunzione di cibi industriali.

Esistono diverse tipologie di dieta detox ma nessuna deve essere seguita senza aver prima consultato uno specialista perché molte di queste prevedono l’eliminazione di sostanze molto importanti per il nostro corpo e dunque è bene essere pronti e soprattutto essere consapevoli di cosa si sta facendo per evitare problemi.

Il cibo che fa bene a chi pratica yoga

Sia che tu sia alle prime armi o che tu sia uno yogi esperto, ti ricordiamo infine il cibo che fa bene a chi pratica yoga, ossia gli alimenti che contribuiscono a purificare corpo e mente: la frutta fresca, le verdure a foglie verdi, i cereali e la frutta secca (tra cui ricordiamo le noci), oltre che alcune spezie e radici. Il già citato zenzero, fresco o in polvere, considerato parte integrante della dieta per le sue proprietà digestive e decongestionanti, mentre la curcuma è un ottimo rimedio contro i dolori muscolari.

Da evitare i cibi fritti e gli alimenti a lunga conservazione, quelli eccessivamente grassi (specie i grassi saturi, i più dannosi) e quelli ricchi di zuccheri.

Una dieta quotidiana equilibrata comprende quindi fibre e proteine. Queste ultime, se abbinate ai cereali, contribuiscono alla formazione di aminoacidi nobili, di pronta assimilazione da parte dell’organismo e dei tessuti muscolari. Ricordiamo anche che i legumi, in particolare le lenticchie, sono ricchi di ferro, che può essere meglio assorbito se si assumono alimenti come gli agrumi, ricchi di vitamina C, che ne favorisce l’assimilazione.

Se non segui un’alimentazione vegetariana o vegana, ti consigliamo di assumere pesce (in particolare acciughe, merluzzo, salmone, tonno, sgombro e altri tipi di pesce azzurro), che grazie all’Omega 3 aiuta a combattere le infiammazioni muscolari e a ridurre l’acido lattico dopo uno sforzo fisico. Oltre a favorire la circolazione cardiovascolare.

Tre risorse interessanti per te

Tisana alla curcuma contro i dolori muscolari

Infuso zenzero e limone per ritrovare il benessere

Superfood per stare meglio

The following two tabs change content below.

Daniela Stasi

Scrivo per mestiere. Sono giornalista professionista ed esperta in metodologie biografiche e autobiografiche. Mi occupo di comunicazione aziendale (ufficio stampa, brand journalism, corporate storytelling, biografie e storie d'impresa) e di facebook content marketing. Con grande gioia conduco laboratori di scrittura autobiografica. Il mio incubo? Rimanere senza parole...

Ultimi post di Daniela Stasi (vedi tutti)