Valutazione degli altri praticanti su questo evento
Ancora nessun feedback ricevuto.
Prezzo: free
Data inizio: 29/01/2017
Orari: 10:00-20:00
Indirizzo: PIAZZA MEDAGLIE D'ORO 9/B
Città: ANCONA
Provincia: Ancona
Regione: Marche
Stili: Ayurveda

Contatti

Riferimento: ALESSANDRA LATINI
Telefono: mostra numero

Domenica 29 Gennaio il Centro Olistico del Conero aprirà le porte per una bellissima giornata dedicata allo yoga, e all’ayurveda da passare insieme.
Durante tutto l’arco della giornata potrete su prenotazione provare i trattamenti ayurvedici con oli caldi e medicati e potrete rigenerarvi con 1 lezione di hatha yoga tradizionale: dalle 18:30 alle 19:30.

www.yogaeayurveda.it

Alessandra Latini 339 4888444

L’ AYURVEDA è la medicina tradizionale utilizzata in India fin dall’antichità e comprende aspetti di prevenzione oltre che di cura che se applicati abitualmente permetterebbero all’individuo di vivere piu’ a lungo, migliorare la propria salute, rispettare il proprio corpo e di ritornare allo stato di equilibrio originario svincolandolo cosi’ dai legami con la sofferenza e la malattia.
Lo scopo primario del massaggio ayurvedico non è solo quello di curare vari disturbi, ma soprattutto di aiutare ad affrontare i cambiamenti, di stabilizzare l’energia di difesa, di rallentare l’invecchiameto e di mantenere il benessere psico-fisico dell’individuo.
Secondo l’ayurveda, l’individuo e tutta la creazione sono governati da 3 principi fondamentali: vata, pitta, kapa che prendono il nome di dosha e che rispecchiano delle caratteristiche fisiche e caratteriali ben precise. L’eccesso o la carenza di uno o piu’ di uno dei tre dosha determina il cattivo funzionamento di determinati organi del corpo, legati per loro stessa natura a quella relativa forza. I dosha nascono dalla combinazione dei 5 elementi:

ETERE + ARIA= VATA DOSHA

FUOCO + ACQUA = PITTA DOSHA

ACQUA + TERRA= KAPA DOSHA

La connessione tra le tre forze e i principali sistemi del corpo puo’ essere cosi’ sintetizzata:

VATA: governa il sistema nervoso e circolatorio; un eccesso di vata si rivela sotto forma di aria nel colon e nelle articolazioni, provocando disturbi di aerofagia, colite, dolori, instabilità psichica, ecc. La persona di tipo vata è generalmente asciutta ed esile, ha la muscolatura poco sviluppata , la pelle secca e spesso screpolata ela carnagione scura. E’ molto dinamica, avventurosa, attiva, sempre in movimento, ma in realtà non ha grande energia e la sua vitalità si esaurisce in tempi brevi. E’ una persona sincera che intrattiene facilmente rapporti con gli altri ma il suo umore è variabile e tendnzialmente malinconico. Non ha grande memoria e autocontrollo, è disordinata e irregolare, tende all’indecisione e ha poca concentrazione, dorme poco, è ansiosa, parla molto e ha scarsa capacità di concretizzare le idee. La sua intelligenza è adattabile e veloce, con buone capacità di pensiero immginativo. Ama le argomentazioni flosofiche, la spiritualità, e accetta i cambiamenti facilmente.

PITA: conserva i tessuti trattenendone il calore, regola l’assimilazione, il sistema endocrino e quello digestivo. La persona di tipo pita fisicamente è elegante e di media corporatura, la pelle umida e lentigginosa, molto sensibile al sole, con capelli sottili e fragili. Ha una personalità intollerante, sanguigna, conflittuale, dubbiosa, facilmente irritabile, si affeziona facilmente ed è gelosa. Ama la cultura, le cose raffinate e ha un’intellignza acuta, creativa, critica, brillante con capacità di pensiero logico; ambiziosa e con buona memoria, riesce a concentrarsi a lungo.

KAPA: costruisce la struttura, distrugge i corpi estranei, stabilizza, lubrifica e attiva la difesa dei tessuti. La persona di tipo kapa fisicamente tende ad essere robusta, con una muscolatura ben sviluppata; la pelle è grassa e i capelli sono scuri e lucidi. Ha una buona resistenza fisica e un carattere tranquillo, l’umore è stabile, flemmatico, ordinato, regolare; è riservata e con poche amicizie. Ha un’ intelligenza lenta ma è molto paziente, generosa, sincera, non si arrabbia facilmente. Ha un’ ottima memoria e la capacità di concentrarsi profondamente; ama dormire a lungo e non accetta i cambiamenti volentieri.
Ogni squilibrio fisico, mentale ed emozionale nasce dalla disarmonia di questi 3 principi; il compito dell’ayurveda è di riportarli in equilibrio, quindi il massaggio verrà eseguito effettuando la tecnica appropriata a seconda del dosha di appartenenza e con oli caldi medicati.

I trattamenti ayurvedici proposti sono:

. VATA ABYANGAM massaggio totale del corpo secondo VATA costituzione per equilibrare i disturbi di Vata (sistema nervoso): es. disturbi in relazione allo stress, aiuta a sciogliere le tensioni muscolari favorendo un rilassamento profondo.

. KAPA ABYANGAM: MASSAGGIO KAPA massaggio del corpo per equilibrare i disturbi di KAPA come il tessuto adiposo in eccesso e il ristagno di liquidi. Massaggio drenante, dinamico,applicando tecniche di linfodrenaggio.

. PITA ABYANGAM: MASSAGGIO PITA massaggio del corpo secondo PITA costituzione per equilibrare i disturbi digestivi, irritazione ed emicrania.
Massaggio rinfrescante, calma la mente favorendo un rilassamento profondo.

.NIRABYANGAM – MASSAGGIO“ANTI-CELLULITE”
Trattamento a base di polveri e creme naturali. Viene sciolta dolcemente la cellulite con una polvere ayurvedica (KAPA Podi) attraverso una manualità particolare e riscaldante, poi si drena con l’aiuto della crema KAPA

.MURI ABYANGAM – MANIPOLAZIONE
Manipolando dolcemente le articolazioni con applicazione di olio caldo si sbloccano le contrazioni e si liberano le tensioni che somatizziamo a livello articolare donando cosi’ flessibilità e vigore.

.OTHADAM IMPACCHI CALDI SULLE ARTICOLAZIONI
Miracolosamente allevia i dolori cervicali, lombari e mestruali. Othadam è un impacco che contiene varie erbe ayurvediche e una volta riscaldate si applicano sulle zone dolorose, ed in presenza di contratture

.MUKABYANGAM – TRATTAMENTO RIGENERANTE AL VISO E MASSAGGIO DEI SENSI
(trattamento al viso): pulisce, purifica e nutre la pelle, migliora la luminosità, previene le rughe, rilassa e distende la muscolatura eliminando i segni di affaticamento, con effetti benefici nel combattere il mal di testa, l’insonnia e i disturbi oculari.
Una buona salute si stabilisce grazie al controllo dell’attenzione che è legata alla vigilanza dei sensi. I sensi devono sempre funzionare correttamente per prevenire vari disturbi e malattie, sono in stretta relazione con il sistema nervoso e con la mente intesa come insieme di intelletto e emozioni.

.IL TRATTAMENTO BASTI
Basti significa “tenere” un certo olio (Tailam) in varie parti del corpo secondo il bisogno o disturbo. Il trattamento Basthi allevia i dolori articolari e aiuta nella cura dei disturbi degenerativi. Viene applicato anche in tutti i cinque sensi: orecchi, occhi, pelle, lingua e narici. Trattamento curativo e preventivo della malattia..

.THAIMABYANGAM –
La tecnica di massaggio specializzata per la donna in gravidanza, una manualità dolce e profonda che tocca fino all’ anima; rinforza il sistema nervoso garantendo uno sviluppo ottimale del feto.

La parola YOGA significa unione; questa unione viene descritta in termini spirituali come l’unione della coscienza individuale con la coscienza universale.
Ad un livello piu’ pratico, lo yoga è un mezzo per equilibrare ed armonizzare il corpo, la mente e le emozioni.
Questo si ottiene attraverso la pratica di asana, pranayama, mudra, bandha, shatkarma e meditazione.

METODO SATYANANDA

Conosciuto anche come lo Yoga del Bihar, dalla regione indiana dove ha avuto origine, il Metodo Satyananda e’ riuscito ad integrare efficacemente gli insegnamenti tradizionali con le necessità dell’uomo moderno.
Durante le lezioni, la pratica non viene eseguita meccanicamente come una qualsiasi attività sportiva. Bensì, viene posto l’accento sullo sviluppo della CONSAPEVOLEZZA, l’essere presenti in quello che si sta facendo nel “qui ed ora”, senza che la mente vaghi nel passato o nel futuro.
Le lezioni seguono una progressione armonica e graduale permettendo ai praticanti di fare esperienza di maggiore stabilità, fiducia in se stessi, pace, forza, salute e benessere; gli effetti vengono assimilati in modo graduale e con sicurezza, rendendo lo yoga accessibile e benefico per tutti : giovani, anziani, forti e deboli.

Una tipica lezione si divide in quattro fasi:

All’inizio ci si concentra sulla pratica delle ASANA (posizioni fisiche statiche o dinamiche) che donano fermezza, salute, equilibrio e leggerezza al corpo.
che vanno ad agire sui principali sistemi corporei (respiratorio, digestivo, ormonale, circolatorio, nervoso, osseo-articolare e muscolare).
La mente e il corpo non sono entità separate benchè vi sia la tendenza a pensare ad agire come se lo siano.
La forma grossolana della mente è il corpo e la forma sottile del corpo, è la mente. La pratica delle asana integra ed armonizza entrambi. Sia nel corpo sia nella mene si annidano tensioni e rigidità; ogni rigidità mentale ha una corrispondente rigidità fisica o muscolare e viceversa.
Lo scopo delle asana è sciogliere queste rigidità e le tensioni mentali affrontandole a livello fisico e agendo lugo l’asse somato-psichico arrivano alla mente tramite il corpo.
Per esempio, le tensioni emozionali e l’emotività repressa possono irrigidire e bloccare il funzionamento armonioso dei polmoni, del diaframma e del sistema respiratorio, contribuendo ad originare una malattia molto delibitante come l’asma.
Le rigidità muscolari possono verificarsi in qualsiasi parte del corpo: tensioni del collo come artrosi cervicale, tensioni del viso come nevralgie ecc. La pratica regolare dell asana mantiene il corpo fisico in condizioni ottimali e stimola la salute anche in un corpo malato. Attraverso la pratica delle asana, il ptenziale dell’energia assopita vene liberato e se ne puo’ fare esperienza nella forma di una crescente fiducia in ogni campo della vita.
ASANA STATICHE E DINAMICHE

Le posture dinamiche spesso richiedono movimenti energici del corpo; il loro scopo tuttavia non è di sviluppare i muscoli o rendere il corpo ginnico, ma di aumentare la flessibilità, accellerare la circolazione, flessibilizzare i muscoli e le articolazioni, eliminare i blocchi di energia e rimuovere il sangue stagnante nelle diverse parti del corpo.
Queste asana tonificano la pelle e i muscoli, tonificano i polmoni e favoriscono il funzionamento del sistema digerente ed escretorio.
Tuttavia, contrariamente a quanto comunemente si pensa le asana statiche hanno un effetto molto piu’ potente e sottile sul corpo energetico e mentale ed hanno lo scopo di massaggiare delicatamente gli organi interni, le ghiandole ed i muscoli e di rilassare i nervi di tutto il corpo.
Sono specificamente rivolte a portare tranquillità alla mente e a preparare alle pratiche superiori di yoga come la meditazione.

“Prima di ogni altra cosa, l’asana è ritenuta la prima parte dell’hatha yoga.
Avendo eseguito l’asana si ottiene stabilità del corpo e della mente, libertà dalla malattia e leggerezza delle membra.”

Nella seconda parte della lezione ci si focalizza sul PRANAYAMA (controllo dell’energia vitale) attraverso diverse tecniche di respirazione che rafforzano la capacità polmonare e aumentano la vitalità di tutto il corpo.
La qualità del respiro influenza la qualità, la lunghezza e la durata della vita; infatti gli antichi yogi notarono che gli animali con un ritmo di respirazione lento come pitoni, elefanti e tartarughe hanno una vita molto piu’ lunga rispetto ad animali con un ritmo di respirazione rapido come uccelli, cani, conigli.
Da quest’osservazione si resero conto dell’importanza di una respirazione lenta per aumentare la durata della vita umana, infatti coloro che respirano in modo breve e rapido avranno una vita piu’ corta di chi respira lentamente e profondamente. A livello fisico questo è motivato dal fatto che la respirazione è direttamente collegata al cuore. Una respirazione lenta mantiene il cuore piu’ forte e meglio alimentato stimolando stati mentali calmi e rilassati mentre una respirazione irregolare disgrega i ritmi del cervello e porta a blochhi fisici, emozionali e mentali. Questi a loro volta portano a conflitti interiori, personalià squilibrata, stile di vita disordinato e malattia.
Benchè la respirazione sia essenzialmente un processo inconscio, puo’ essere controllato coscientemente in qualsiasi momento. Di conseguenza, esso forma un ponte tra le aree conscie e inconscie della mente; attraverso la pratica del pranayama, l’energia intrappolata in modelli mentali nevrotici inconsci puo’ essere liberata per attività piu’ creative e gioiose.

“Come il fuoco divampa con veemenza quando la cenere che lo soffoca è portata via dal vento, cosi’ il fuoco divino splende nel corpo con tutta la sua maestà quando le ceneri del desiderio vengono fugate dalla pratica del pranayama.“

Infine si conclude la lezione con YOGA NIDRA ovvero una potente tecnica attraverso la quale è possibile imparare a rilassarsi consciamente. La maggior parte delle persone sentono che si stanno rilassando quando si distendono in poltrona con una tazza di caffè, una bevanda o una sigaretta e leggono il giornale o guardano la televisione. Ma tutto cio’ non sarà sufficiente come definizione scientifica del rilassamento: queste sono solo diversioni sensoriali. Il vero rilassamento è, in effetti, un’esperienza che va oltre a tutto cio’.Per un rilassamento assoluto è importante rimanere consapevoli; questo è yoga nidra lostato di sonno dinamico.
Yoga nidra è un metodo sistematico per indurre un completo rilassamento fisico, mentale ed emozionale; durante la pratica si appare addormentati ma la coscienza funziona ad un livello di consapevolezza piu’ profondo. In questo stadio intermedio tra il sonno e la veglia, il contatto con la dimensione subconscia e inconscia avviene spontaneamente. In yoga nidra lo stato di rilassamento viene raggiunto rivolgendosi interiormente, lontano dalle esperienze esteriori.
Se la coscienza puo’ essere separata dalla consapevolezza esteriore e dal sonno, essa diviene molto potente e puo’ essere applicata in molte maniere, per esempio per sviluppare la memoria, per incrementare la conoscenza e la creatività o per trasformare la propria natura.
Lo yoga fornisce alle persone un mezzo per connettersi con il proprio vero Se’ ed è ben lontano dall’essere un insieme di semplici esercizi fisici, costituisce piuttosto un aiuto per stabilire un nuovo modo di vivere che abbracci sia la realtà interiore sia la realtà esteriore.
Tuttavia, questo modo di vivere è un’ esperienza che non puo’ essere compresa intellettualmente e diventerà conoscenza vivente solo attraverso la pratica e l’esperienza.

“Rilassamento significa essere beatamente felici senza fine.
Io chiamo beatitudine il rilassamento assoluto il sonno è una questione differente.
Il sonno da solamente un rilassamento alla mente e ai sensi.
La beatitudine rilassa l’atman, il se interiore; per questo nel tantra, yoga nidra è la soglia del Samadhi.”
Swami Satyananda Saraswati

Feedbacks

Lascia un commento di feedback su questo evento per riportare l'esperienza che hai vissuto.
Non dimenticare di esprimere il tuo parere dando un voto utilizzando il classico sistema con le stelline.
Condividi la tua opinione e aiuta altri praticanti a fare la loro scelta!