chakra del cuore

Come abbiamo scritto più volte sulle pagine del nostro blog, i chakra sono centri energetici presenti nel corpo umano che hanno il compito di governarne le funzioni organiche e mentali. Sono oltre cento ma sette sono considerati quelli principali. Secondo diverse filosofie orientali, se una persona non riesce a vivere la vita con gioia ed è orientato esclusivamente verso sentimenti negativi, significa che ha i chakra bloccati. In questo articolo, in particolare, ci focalizziamo su Anahata, il quarto chakra, chiamato anche chakra del cuore.


Dove si trova il chakra del cuore

Il quarto chakra si trova al centro del petto, all’altezza del cuore, tra i due seni. Ed è proprio la sua posizione che ne determina il nome “chakra del cuore”. Trovandosi circa a metà dei sette, il chakra del cuore collega i chakra inferiori con quelli superiori e il suo equilibrio influenza l’aspetto relazionale e affettivo. Il suo stesso nome in sanscrito, Anahata, che significa non colpito, evoca l’incontro tra due elementi che non si urtano a vicenda. Nello specifico, i due elementi in questione sono il plesso cardiaco e quello polmonare, il cui insieme indica l’area del corpo dove è posizionato. È responsabile per le emozioni e l’amore incondizionato.

Ricordiamo infatti che i 7 chakra sono corrispondono ciascuno a una diversa zona del corpo, dal coccige fino alla sommità della testa. Li riepiloghiamo qui:

  1. Muladhara: chakra della radice (primo chakra)
  2. Svadhisthana: chakra sacrale (secondo chakra)
  3. Manipura: chakra del plesso solare (terzo chakra)
  4. Anahata: chakra del cuore (quarto chakra)
  5. Vishuddha: chakra della gola (quinto chakra)
  6. Ajna: chakra del terzo occhio (sesto chakra)
  7. Sahasrara: chakra della corona (settimo chakra)

anahata chakra del cuore
Anahata Chakra

Caratteristiche dell’Anahata Chakra

Ecco qui le peculiarità che contraddistinguono anahata chakra. Partiamo dal simbolo con cui viene raffigurato: un fiore di loto con 12 petali al cui interno ci sono due triangoli intersecati tra loro, uno all’insù e uno all’ingiù, a formare una stella a sei punte.

Il suo elemento è l’aria, il senso è il tatto, mentre il mantra è yam. Conoscere i colori chakra aiuta a riequilibrare i chakra stessi. Il colore del quarto chakra è il verde e rappresenta l’amore per sé stessi e per gli altri. E il colore verde, in particolare, rappresenta l’equilibrio tra l’energia maschile e quella femminile ed è associato al continuo rinnovarsi della vita.

Il timo, fondamentale per garantire le difese immunitarie all’organismo, è la ghiandola endocrina associata a questo chakra, che peraltro, proprio per l’area in cui si trova, regola le funzioni dei polmoni e del cuore.

Il chakra del cuore si sviluppa dai quattro ai sette anni e ha l’importante compito di definire l’identità sociale, la capacità di relazionarsi con gli altri, di provare amore per sé stessi e per tutti coloro con cui entriamo in relazione.


Quarto chakra: che ruolo ha per il nostro benessere

Da quello che abbiamo scritto finora, è facile intuire che il quarto chakra è responsabile dell’amore e dell’armonia. Quando è in equilibrio, quindi, si è capaci di amare pienamente sé stessi e gli altri: ciò significa essere generosi ma non dimenticare mai sé stessi o dipendere dalle altre persone.

Questo aspetto è cruciale nelle relazioni interpersonali, ed è un equilibrio delicato: amare solo sé stessi senza aprirsi agli altri vuol dire essere egocentrati ed egoisti. Al contrario, mostrare apertura nei confronti degli altri ma non prendersi cura di sé, col tempo, porta a frustrazione e, in alcuni casi, a risentimento perché ci si aspetta dagli altri quello che si dà senza ricevere. Solo chi coltiva giorno dopo giorno un profondo amore per se stesso può essere empatico con gli altri, e instaurare rapporti basati sulla consapevolezza e sulla fiducia reciproca.

Quarto chakra in disequilibrio: come riconoscerlo

Quando il quarto chakra è in disequilibrio si può arrivare a essere eccessivamente dipendenti dagli altri e accusare ansia e depressione. Si può anche essere totalmente chiusi, non disponibili alla relazione, e arrivare all’isolamento.


Come aprire il chakra del cuore?

Aprire chakra del cuore non è impossibile, anzi è più semplice di quello che può sembrare. Innanzitutto per sbloccarlo ti consigliamo di trascorrere più tempo all’aria aperta tra piante e animali. La natura ha effetti benefici sul benessere psicofisico, sono moltissimi gli studi che lo confermano. Inoltre, l’ambiente naturale si rigenera di continuo e prendere esempio da questa forza generativa insegna a vivere “d’istanti e d’istinti” e non distanti e distinti.

Un altro suggerimento per sbloccare il quarto chakra è compiere azioni che ti fanno stare bene: ciascuno ha le proprie passioni, prenditi del tempo per seguire le tue. E se non hai un interesse dominante, è la volta buona per sperimentarne uno.

Infine, l’apertura chakra cuore passa anche da pratiche come lo yoga e la meditazione, entrambe utilissime per calmare la mente, trovare la quiete interiore, rilassarsi e ristabilire l’equilibrio energetico nel corpo.


chakra del cuore

Tra gli asana consigliati per sbloccare Anahata Chakra ecco Urdhva Dhanurasana, la posizione dell’arco, che annovera i seguenti benefici:

  • apre il torace e la cassa toracica, migliorando la capacità respiratoria;
  • allunga profondamente tutto il corpo: dai polsi alla spina dorsale, dalle cosce all’addome, dalle braccia al collo;
  • stimola il funzionamento della tiroide (ne favorisce il buon funzionamento);
  • rinforza e tonifica glutei e cosce;
  • facilita l’apertura delle anche;
  • aiuta a energizzare tutto il corpo;
  • aumenta l’autostima e l’ascolto di sé.

Cosa si sente quando si apre il chakra del cuore?

Le correlazioni tra yoga e salute sono numerose: lo yoga, infatti, è in grado di migliorare la salute nel senso più ampio del termine perché va ad apportare benefici fisici, rendendo il corpo più forte e flessibile, ma anche psicologici.

Nel dettaglio, quando si apre il chakra del cuore:

  • ci si sente a proprio agio con sé stessi;
  • si riesce ad amarsi e a prendersi cura di sé;
  • si prova rispetto, amore e fiducia nei confronti degli altri;
  • si riesce a creare delle relazioni sane senza esserne dipendenti.

Riequilibra il quarto chakra con Eventiyoga

Hai letto fin qui e vuoi provare ad aprire il quarto chakra? Ecco quello che fa per te: il corso yin yan per l’equilibrio dei chakra, un percorso strutturato in cinque lezioni per rimuovere le energie negative, risvegliare il tuo intuito e infondere amore e gioia nella tua vita. Per riconquistare il tuo equilibrio interiore.

Yin & Yang Equilibrio dei chakra - Corso Online

Letture consigliate

Apri il Chakra del Cuore: un CD esperienziale con cui praticare, non semplicemente da ascoltare, pensato per tutti coloro che hanno bisogno di una pausa dalle attività quotidiane. È utile per ritrovare la calma, la centratura interiore, l’apertura del cuore, modificare lo stato energetico ed espandere la consapevolezza.


apri-il-chakra-del-cuore-148208-148208-libro

April il Chakra del Cuore

Jayadev Jaerschky, Peter Treichler

>> scopri di più


Chakras – I Sensi Psichici dell’Uomo: in questo libro di Charles Webster Leadbeater, si ha la possibilità di compiere una presa di coscienza della realtà sottile dell’uomo e di quel percorso energetico ed evolutivo che va dalla Terra al Cielo, passando per le molte possibilità dell’essere umano di essere un “trasformatore” delle energie della vita. Il libro contiene 9 immagini e 10 tavole a colori con le riproduzioni dei chakra.


chakras-i-sensi-psichici-dell-uomo_52002-libro

Chakras. I Sensi Psichici dell’Uomo

Charles Webster Leadbeater

>> scopri di più

Altre risorse interessanti per te

Yin Yan

Cos’è lo Yin Yoga

Yoga contro l’ansia

Posizioni yoga illustrate

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter – Per te subito un Bonus!
Iscriviti alla Newsletter – Per te subito un Bonus!
The following two tabs change content below.

Daniela Stasi

Scrivo per mestiere. Sono giornalista professionista ed esperta in metodologie biografiche e autobiografiche. Mi occupo di comunicazione aziendale (ufficio stampa, brand journalism, corporate storytelling, biografie e storie d'impresa) e di facebook content marketing. Con grande gioia conduco laboratori di scrittura autobiografica. Il mio incubo? Rimanere senza parole...