dieta vegana

La dieta vegana, che spesso si associa ad una filosofia di vita vera e propria, prevede che non si mangi nessun derivato agli animali per cui sono banditi, oltre a carne e pesce, anche formaggi e uova. Alla base di questa scelta per qualcuno c’è la volontà di rispettare gli animali e il rifiuto di violenze nei confronti di altri esseri viventi mentre per altri si tratta di una scelta alimentare legata alla propria salute.

I benefici della dieta vegana

Secondo gli esperti, una dieta vegana seguita con costanza può portare ai seguenti benefici:
* Riduzione delle patologie cardiache
* Riduzione della pressione alta
* Riduzione delle problematiche legate al diabete di tipo 2
* Prevenzione dal cancro.

A questi si aggiunge anche un dimagrimento naturale causato dall’assunzione di tante verdure e fibre che aiutano la disintossicazione dell’organismo e allo stesso modo anche le funzioni diuretiche.
Non è un caso che al veganesimo si sia ispirata la Dieta McDougall che elimina del tutto i grassi animali sulla base della tabella alimentare a piramide che include tutte le dosi di alimenti da assumere per una stabilità del proprio corpo:

tabella dougall

In realtà la piramide dell’alimentazione vegana non raccomanda dosi giornaliere di alimenti da assumere ma la tipologia di alimenti che ogni essere umano vegano dovrebbe assumere in un lasso di tempo pari a 48 ore.

Gli svantaggi della dieta vegana

Sono in molti a sollevare i rischi collegati alla dieta vegana che può portare a carenza di amminoacidi essenziali tra cui ferro, calcio e vitamine e dunque anche carenza energetica da supplire con assunzione di integratori di vario tipo. Non è un caso che bambini, anziani e donne in gravidanza non dovrebbero seguirla a meno di non essere seguiti da uno specialista proprio perché queste carenze possono essere anche molto pericolose. A questi svantaggi legati alla salute si associano anche le problematiche legate alla cucina e alla socialità dal momento che la dieta vegana è molto restrittiva e non tutti i ristoranti sono preparati per questo tipo di esigenze.

Veganesimo e cura della casa e della persona

Seguire una dieta vegana significa fare attenzione anche ai prodotti che utilizziamo per la cura di noi stessi e della nostra casa. Per quel che riguarda i prodotti di bellezza, basta scegliere prodotti approvati per i vegani e cruelty free mentre per la pulizia della casa oltre a scegliere prodotti con le stesse denominazioni si può anche far ricorso ad ingredienti naturali come il bicarbonato per pulire e disinfettare.

Come iniziare una dieta vegana?

La prima cosa da fare è approfondire la materia, per esempio consultando dei siti appositi come VegFacile o leggendo dei libri tra i quali consigliamo:
Vegan di Marie Laforet con oltre 500 ricette vegane per ogni occasione;
Il Vegano per Tutti di Lucia Giovannini, Giuseppe Cocca e Cucina Bio Evolutiva®
Pianeta Vegan di Antonella Tomassini
Viaggia Vegan
Vegano ma non Strano di Stefania Rossini
Un Giorno da Vegani di Marina Ottaviani
Diventare Vegani di Brenda Davis e Vesanto Melina

Inoltre sarebbe buona norma scegliere il veganesimo a fasi iniziando gradualmente in modo che il fisico si abitui e allo stesso tempo ci si abitui anche ad un nuovo modo di fare la spesa e cucinare (su SorgenteNatura un’ottima selezione di prodotti da utilizzare per una dieta vegana accessibili qui). Una buona dieta vegana, come tutte le diete, funziona solo se c’è equilibrio tra ciò che si mangia ed un corretto regime di fitness per cui è buona norma iniziare il veganesimo associandolo ad un’attività fisica che aiuti la muscolatura e allo stesso tempo anche il proprio sviluppo personale, come lo yoga per esempio, da scegliere in base ai propri gusti e alle proprie aspettative.

The following two tabs change content below.
Sono Elena e sono una marketing manager specializzata in Yoga. Il mio obiettivo è aiutare insegnanti e centri yoga a perfezionare la loro comunicazione e promuovere al meglio le loro attività.

Ultimi post di Elena Petrunina (vedi tutti)