karma yoga

I praticanti di yoga sanno bene che esistono diversi tipi di yoga e ogni tipologia afferisce ad una determinata scuola di pensiero. Il Karma Yoga è una di queste tipologie e si definisce come metodologia che punta tutto sull’azione. Azione che, nello yoga, vuol dire movimento sia del corpo che dello spirito.

I principi del Karma Yoga sono enunciati nel nel terzo capitolo della Bhagavad Gita dove viene descritto con queste parole:
“L’uomo che ha realizzato la sua identità spirituale non ha interessi personali nell’adempiere i doveri prescritti né ha motivo di non compiere tali doveri. Egli non dipende da alcuno per nessuna cosa. Si devono dunque compiere il proprio lavoro e le proprie azioni per dovere, senza attaccamento ai frutti dell’azione, perché agendo senza attaccamento si raggiunge il Supremo.” (Bhagavad Gita, III, 18-19).

Dunque, a grandi linee, il Karma Yoga promuove l’azione concreta senza doppi fini ma allo scopo di raggiungere la salvezza; non si tratta di un modo passivo di vivere, ma viene invece promosso come capacità di agire con consapevolezza nel presente, senza alcuna aspettativa e soprattutto mettendosi al servizio del proprio sé spirituale, quello che condurrà alla salvezza.

Questo tipo di yoga si differenzia dai più comuni proprio perché non presuppone la classica pratica fisica ma si basa quasi del tutto sulla meditazione e sul potere della mente; può essere considerato più una filosofia di vita che una pratica nel vero senso della parola.

E’ seguendo questo sentiero che si può cambiare la propria prospettiva nel fare, arrivando a vivere una vita che si basa sui seguenti principi:

  • Ogni azione deve essere distaccata e disinteressata;
  • Ogni azione deve essere compiuta in consapevolezza.

In parole povere, il Karma Yoga promuove l’accettazione della propria vita senza mai cercare approvazione e appoggio, ma vivendo in maniera tale da accettare ciò che accade e comportarsi di conseguenza senza pensare al proprio ego.

A riassumere bene il Karma Yoga nella vita quotidiana è Swami Vivekananda, mistico indiano, secondo cui: “Il Karma yoga ci insegna a come lavorare per il lavoro, non-attaccati, senza preoccuparci di ciò che si compie, ci insegna anche perché dovremmo lavorare. Il karma-yogi lavora perché è la sua natura, perché sente che è un bene per lui fare così, e non ha alcun obiettivo oltre quello. La sua posizione nel mondo è quella di un donatore, e non si preoccupa mai di ricevere nulla. Sa che sta donando, e non chiede nulla in cambio, e perciò evita la presa della sofferenza”.

I benefici del Karma Yoga

Focalizzato sull’azione consapevole, il Karma Yoga porta notevoli benefici tra cui:

  1. Eliminazione dell’ansia di prestazione: eliminando la necessità di approvazione da parte di altri, si elimina l’ansia di prestazione associata alle proprie azioni;
  2. Osservazione attenta del proprio atteggiamento, per modificarlo e domarlo nel momento in cui inizia ad anteporre l’IO a tutto il resto;
  3. Maggiore calma interiore: non avendo ansia di prestazione e agendo con distacco, tutta l’ansia che la vita quotidiana porta con sé viene eliminata a favore di una maggiore calma interiore;
  4. Possibilità di agire al meglio delle proprie capacità e senza mai aspettarsi niente in cambio.

Per coloro che seguono il Karma Yoga da un punto di vista più religioso, il vantaggio più grande è sicuramente quello di sentirsi parte di un tutto e dare dunque un significato diverso all’esistenza.

Karma Yoga nella vita quotidiana

Sulla base di quanto sopra, si capisce meglio come il Karma Yoga può essere applicato alla vita quotidiana. Ecco come:

  1. Sii sempre grato/a: nel momento in cui fai qualcosa, ricordati di esprimere gratitudine;
  2. Sii consapevole: non fare mai cose che non senti di dover e poter fare, ma falle in consapevolezza, scegliendole di volta in volta;
  3. Non pensare al risultato di un’azione ma falla sempre con il cuore in modo da goderne al massimo.

Mettendo in pratica i principi del Karma Yoga svilupperai un’attenzione verso di te e verso l’ambiente che ti circonda più consapevole che ti farà vivere al meglio il presente!

The following two tabs change content below.
Giornalista e marketer, aiuta le aziende a stabilire le proprie stratefgie di marketing. Per EY si occupa del marketing online, gestisce i contenuti e ogni tanto scrive articoli di marketing per il blog. Potete contattarla all'indirizzo email veruska@anconitano.com e visitare il suo blog La Cuochina Sopraffina e il suo sito personale