Lolasana

Eccoci qui con un nuovo appuntamento con le posizioni yoga, gli articoli in cui illustriamo nei dettagli un asana, descrivendone il significato, i benefici, le eventuali controindicazioni e la corretta esecuzione, passo dopo passo. Questa è la volta di Lolasana: la posizione del ciondolo. Prenditi del tempo per te, mettiti comodo sul tappetino e via, buona lettura e buona pratica!

Lolasana, il significato

Così come tutti altri asana, anche questo, deriva dal sanscrito. Vediamone il significato: Lol significa “volubile”, “penzoloni”, “ciondolo”, e Asana significa “posizione”. Ecco quindi la posizione del ciondolo.

Questa posizione è sconosciuta nell’Hatha Yoga fino al ventesimo secolo, ma appare nel Vyayama Dipika, un manuale di ginnastica del 1896, come esercizio di movimento di bilanciamento chiamato jhula.

Norman Sjoman, autore del libro “The Yoga Tradition of the Mysore Palace”, scrive che è una delle posizioni adottate nello yoga moderno a Mysore, in India, da Krishnamacharya. Posizione poi praticata e diffusa dai suoi allievi Pattabhi Jois e B. K. S. Iyengar.

I benefici di Lolasana

Ecco i principali benefici di Lolasana:

  • rafforzamento delle braccia, dei polsi e delle spalle;
  • potenziamento della parte bassa della schiena, delle gambe e della zona addominale;
  • miglioramento dell’autocontrollo e della coordinazione;
  • sviluppo della concentrazione.

Come si esegue Lolasana

A un primo sguardo, Lolasana sembra una posizione complicata. Pare che la si riesca a eseguire solo se si hanno anni e anni di pratica alle spalle o se si sia dotati di una forza superiore. Ma non è assolutamente così. Certo, come tutti gli asana è bene non improvvisare e non andare oltre i propri limiti. Ma conoscendo e comprendendo la corretta tecnica di esecuzione, riuscirai a praticare Lolasana in serenità. Se non dovessi riuscirci subito, non demordere ma nel contempo non esagerare. Senza strafare, sarai in grado di raggiungere la posizione con le gambe sollevate da terra.

Lolasana step by step

Vediamo ora qual è la corretta pratica di Lolasana. Prima di iniziare a sperimentarti con questo asana però riscaldati per bene. Come abbiamo scritto più volte, il saluto al sole rappresenta sempre un ottimo modo per sciogliersi e preparare il corpo. Pronto? Cominciamo!

  • Posizionati a carponi in modo tale che i fianchi siano perpendicolari al pavimento. Sposta leggermente i palmi delle mani in avanti sulla linea delle spalle.
  • Apri per bene i palmi delle mani e fai pressione con le dita sul tappetino.
  • Incrocia le caviglie l’una sull’altra.
  • Espirando, inclinati lentamente in avanti per curvare la schiena e le scapole spingendo le spalle verso il pavimento. Abbassa leggermente la testa verso il basso, estendendo la parte posteriore del collo. Non spingere però il mento verso il petto. In questa posizione, allunga la spina dorsale dal coccige fino alla testa.
  • Solleva le gambe da terra mantenendo questa posizione per almeno 20 secondi. Se non ci riesci, come già scritto, non preoccuparti, ci riuscirai.

Possibili varianti di Lolasana

Coloro che praticano yoga a un livello avanzato possono spostarsi in Padma Lolasana, con le gambe incrociate in Padmasana (la posizione del loto). Oppure eseguire Utthita Lolasana, la posizione dell’oscillazione in piedi.

Tra i contro asana consigliati, Adho Mukha Svanasana, la posizione del cane a testa in giù.

Adho Mukha Svanasana contro asana di Lolasana
Adho Mukha Svanasana, la posizione del cane a testa in giù

Le controindicazioni

Evita di praticare Lolasana in caso tu soffra di ernia, lesioni al polso o alle spalle. Meglio non eseguirla durante le mestruazioni. Assolutamente da evitare in gravidanza.

I nostri consigli

Lo ripetiamo in ogni articolo dedicato alle posizioni, crediamo davvero sia molto, molto importante: se sei all’inizio della pratica yoga, anche se le posizioni ti sembrano semplici e immediate – e non è comunque il caso di Lolasana – è meglio che ti affidi a un insegnante; può guidarti nella corretta esecuzione, correggerti e aiutarti a fermarti al momento giusto per evitare di farti male.

Non sai a chi rivolgerti? Consulta l’elenco degli insegnanti presenti sul nostro portale, puoi trovarne di qualificati e preparati vicino a dove risiedi. Molti di loro tengono anche corsi yoga online, per praticare da casa ma ricevendo le stesse attenzioni di un corso svolto in un centro yoga.

Inoltre, un altro consiglio che ripetiamo spesso, anch’esso sempre valido, è quello di ascoltare il tuo corpo, senza forzarti e sforzarti. Rispetta i tuoi limiti e abbi fiducia nelle tue potenzialità. Non demordere mai, provaci e riprovaci sempre.

E ancora, stai cercando una guida illustrata di tutti gli asana, una sorta di compendio che ne riassuma i benefici? Al link qui sotto troverai ciò che fa al caso tuo!

Letture consigliate

Anatomia dello yoga. Consigli per la corretta esecuzione delle asana di Abby Ellsworth: un testo per conoscere le tecniche di respirazione più appropriate e una varietà di asana da comporre in sequenze adeguate sia per i principianti, quanto per i più esperti. In sostanza, si tratta di istruzioni passo a passo che spiegano come eseguire ogni esercizio, per avviare un programma quotidiano.

Anatomia dello Yoga di Abby Ellsworth

ACQUISTA: ANATOMIA DELLO YOGA

Yoga anatomy. 79 posizioni con descrizione tecnica ed analisi anatomica di Leslie Kaminoff e Amy Matthews: l’obiettivo di questo manuale è quello di presentare gli elementi dell’anatomia che risultano essere più utili a coloro che praticano o insegnano yoga. Con istruzioni chiare e specifiche e disegni anatomici dettagliati a colori, descrive in particolare gli asana più conosciuti e fornisce una comprensione più approfondita delle strutture del corpo e dei principi alla base del movimento umano e dello stesso yoga. Dunque, il lettore viene messo nella condizione di osservare attentamente come vengono usati i singoli muscoli nelle varie attività, come piccole modifiche di una posizione possano aumentarne o ridurne l’efficacia e come la colonna vertebrale, la respirazione e la posizione del corpo siano strettamente interconnesse tra di loro.

Yoga anatomy. 79 posizioni con descrizione tecnica ed analisi anatomica

ACQUISTA: YOGA ANATOMY

Tre risorse interessanti per te

Le posizioni dello yoga: guida illustrata a tutti gli asana

Tutti i benefici dello yoga: dalla A alla Z

Perché iniziare a fare yoga

Iscriviti alla Newsletter – Per te subito un Bonus!
Iscriviti alla Newsletter – Per te subito un Bonus!
The following two tabs change content below.

Daniela Stasi

Scrivo per mestiere. Sono giornalista professionista ed esperta in metodologie biografiche e autobiografiche. Mi occupo di comunicazione aziendale (ufficio stampa, brand journalism, corporate storytelling, biografie e storie d'impresa) e di facebook content marketing. Con grande gioia conduco laboratori di scrittura autobiografica. Il mio incubo? Rimanere senza parole...