Oil Pulling

Ti sei mai soffermato a ragionare sul rapporto stretto che esiste tra benessere del corpo e benessere della mente? Si tratta di un rapporto che incide moltissimo sul nostro modo di fare e sul nostro modo di essere ed è proprio su questo rapporto che si basa la tecnica dell’oil pulling, un risciacquo orale con olio biologico e spremuto a freddo di girasole.

L’oil pulling è una procedura ayurvedica che è stata “teorizzata” formalmente nel testo Charaka Samhita dovre si spiega che sciacquandosi la bocca con dell’olio d girasoli si possono curare o prevenire circa 30 malattie sistemiche ovvero quelle presenti in tutto il corpo.

Il principio dell’oil pulling

L’oil pulling si basa su un principio fondamentale: la maggior parte delle malattie nascono da germi e batteri si sviluppano proprio dalle radici dei denti all’interno dei quali, proprio per via dei un ambiente favorevole, possono espandersi e andare ad intaccare i vari organi interni e l’intero sistema immunitario. Secondo l’ayurveda, infatti, ad ogni dente è associato un organo interno e dunque le malattie si estendono capillarmente partendo dalle arcate dentarie per arrivare fino a tutti gli organi.

denti
Immagine tratta da: scuolanaturopatia.org

L’oil pulling

L’oil pulling si pratica appunto risciacquando per circa 20-30 minuti la bocca con dell’olio e facendo questo si pulisco sia le gengive che i denti che le membrane delle mucose che circondano la bocca e i denti. In questo modo la microflora e le cellule si mantengono sempre pulite e gli organi non risentono delle eventuali malattie. L’olio è infatti in grado di assorbire tutte le scorie che si accumulano nei denti e nelle gengive “strappandole” dal nostro corpo.

I benefici dell’oil pulling

Secondo gli studiosi del settore, ‘oil pulling è un ottimo coadiuvante nella gestione delle seguenti patologie:

  • debolezza muscolare
  • mal di testa
  • stati influenzali
  • malattie del sistema immunitario e neurologico
  • malattie cardiache
  • malattie ginecologiche
  • malattie del fegato
  • malattie reumatiche
  • alito cattivo e malattie del cavo orale.

Come e quando si fa l’oil pulling

Il risciacquo della bocca con l’olio consiste nel trattenere in bocca, come fosse un colluttorio, dell’olio spremuto a freddo di girasole, sesamo o cocco per circa 20 minuti. Trascorso questo tempo, la soluzione che nel frattempo è diventata biancastra per via dell’accumulo di tossine e scorie, va sputata e la patina oleosa e tossica che si è formata sulla lingua va eliminata usando un cucchiaio. Al termine della pulizia si dovrebbe sciacquare la bocca con acqua e sale o acqua e bicarbonato per disinfettarla. L’olio con il quale ci si sta sciacquando la bocca non va assolutamente ingerito in quanto pieno di tossine.
Il momento migliore per questa pratica è la mattina appena svegli visto che si tratta di una tecnica che va effettuata a stomaco vuoto e che la notte i metalli pesanti si depositano sulla bocca.

Oil pulling e igiene orale

Il risciacquo della bocca con olio non prescinde dalla classica igiene orale ovvero lavarsi i denti, eventualmente usare il filo interdentale e fare visite regolari dal dentista. Il risciacquo con olio è un coadiuvante ma non un sostitutivo delle normali pratiche di igiene orale e se viene eseguito giornalmente può garantire buoni risultati fin dalle prime settimane.

Un approfondimento dettagliato sull’oil pulling si trova sul sito oilpulling.com dove si raccolgono pratiche, testimonianze e tutto quello che c’è da sapere su questa tecnica.

Altre risorse utili

Guida alla scelta del dentifricio perfetto
Tutto quello che devi sapere sull’olio di cocco
La dieta detox

The following two tabs change content below.
Sono Elena e sono una marketing manager specializzata in Yoga. Il mio obiettivo è aiutare insegnanti e centri yoga a perfezionare la loro comunicazione e promuovere al meglio le loro attività.

Ultimi post di Elena Petrunina (vedi tutti)