social network yoga

Sei un professionista nel mondo dello yoga (insegnante o titolare di un centro yoga) e, nonostante le comprensibilissime resistenze iniziali ti sei reso conto quanto sia importante essere presenti sul web e sui social ma non sai da che parte iniziare? Nessun problema, guarda il lato positivo: il fatto che tu abbia acquisito questa consapevolezza, è un buon passo avanti.

Dopo aver visto come Come gestire il sito web di un centro yoga, in questo articolo illustriamo come scegliere il social network perfetto per la propria attività yoga.

Mondo social: qualche numero

Iniziamo da una panoramica generale per capire come l’utilizzo dei social, anche in Italia è sempre più preponderante e sempre più in crescita. Riportiamo nuovamente i dati emersi dall’ultimo Global Digital Report di We Are Social e Hootsuite. La ricerca ha messo in evidenza come nel 2018 si sia registrato un forte incremento dell’utilizzo del web, con oltre un milione di nuovi utenti ogni giorno. In particolare, prendiamo in considerazione due dati:

  • 5,11 miliardi di utenti mobile al mondo, un incremento di oltre 100 milioni (+2%) rispetto all’anno precedente;
  • 3,48 miliardi di utenti social, un incremento di oltre 288 milioni (+9%) rispetto all’anno precedente; di questi, 3,26 miliardi di utenti che accedono alle piattaforme social da mobile, un incremento di 297 milioni (+10%) rispetto all’anno precedente.

In Italia gli utenti di piattaforme social sono 35 milioni, +2,9% rispetto all’anno precedente, con ben 31 milioni di persone attive su queste piattaforme da dispositivi mobili, un incremento del 3,3%.

Altro dato che fa pensare, emerso dallo stesso studio, è quello che ne spiega la fruizione: in sostanza, passiamo oltre 6 ore al giorno connessi (di cui circa un terzo sui social). Quasi 9 persone su 10 (l’88%) accedono a internet almeno una volta al giorno: 6 ore al giorno, tutti i giorni, quasi tutti.

Al di là dei numeri, questi dati, se letti con attenzione e con la giusta criticità, fanno pensare, eccome. Ma al di là delle riflessioni che ciascuno può fare tra sé e sé, è bene concentrarsi sull’oggettività del dato: ormai, chiunque svolga un’attività, deve per forza cimentarsi con il web e con i social.

Conoscere il target prima di scegliere il social network yoga

Veniamo al sodo: come scegliere il social social network ad hoc per lo yoga? Chiaramente non c’è un’unica risposta. Il nostro consiglio è quello di usare più social senza focalizzarsi solo su uno. Perché? Ogni social network ha le proprie specificità e proprio per questo motivo deve essere utilizzato per andare a centrare un determinato obiettivo.

Prima di vedere, nel dettaglio, i singoli social network yoga, ritorniamo su un concetto che, sulle pagine del nostro blog, abbiamo affrontato più e più volte: l’analisi del target dei praticanti e perché farla.

Analizzare il target dei tuoi allievi o di chi frequenta il tuo centro yoga è fondamentale per una serie di motivi. Tra questi, in prima linea, il fatto che se si conosce il profilo del proprio “pubblico”, si riesce a rendere più efficace il modo di presentarsi e di farsi conoscere, e quindi si riesce a comprendere in modo non superficiale anche su che social lanciarsi: se sai chi viene alle tue lezioni, puoi scegliere il tono della comunicazione, i video da proporre, la grafica da usare.

È anche importante capire come i tuoi allievi vengono a conoscenza dei tuoi corsi, per calibrare di conseguenza le tue attività di promozione: così facendo, puoi spendere in modo più oculato il tuo budget per l’organizzazione e la promozione degli eventi futuri. E, nel caso specifico dell’argomento trattato, pianificare il budget per le promozioni sui vari social.

Sappiamo che ti sembra un lavoro in più da fare – un lavoro che peraltro non dà un ritorno immediato – ma credici, sono energie investite bene. E che al di là del riscontro economico, ti consentono di essere più consapevole della tua attività. Perché? Perché analizzare il target è un’occasione per fare il punto della tua attività, è come scattare una “fotografia” della tua situazione attuale: se ti soffermi a capire chi viene alle tue lezioni e ai tuoi incontri, a comprenderne le esigenze e le motivazioni, hai la possibilità di strutturare al meglio le proposte future, integrarle con le richieste che ti vengono fatte e quindi presentarle in modo più proficuo.

I principali social network yoga

Dopo questa lunga premessa, vediamo, in linea di massima, uno a uno i vari social network yoga.

Facebook

Facebook è utilizzato da una fascia di età che va dai 35 ai 65 anni e, al di là delle tendenze del momento, è un social network da cui non si può prescindere per un’attività yoga.

Trattandosi di un’attività professionale, è necessario aprire una pagina dedicata alla tua professione di insegnante o al tuo centro. Poi, è sempre utile condividiere alcuni dei post sul tuo profilo personale. Ma è importante tenere separate la pagina dal profilo: sulla prima devi pubblicare solo ed esclusivamente notizie inerenti il tuo mestiere.

Le ragioni per cui Facebook è fondamentale sono diverse. Innanzitutto consente di pubblicare vere e proprie news, in merito ai corsi organizzati, agli eventi promossi e a tutto quanto ruota intorno alla tua attività: una nuova collaborazione o un nuovo corso se sei un insegnante, le attività in programma se hai un centro yoga.

Inoltre Facebook dà la possibilità di creare eventi, una funzione fondamentale per chi svolge un’attività yoga: puoi creare l’evento, divulgarlo quindi tra tutti coloro che hanno messo un like sulla tua pagina, avere già un primo riscontro dell’evento stesso e tenere monitorata la situazione.

Se usato con un piano editoriale, Facebook è uno strumento interessante anche per illustrare asana o termini legati allo yoga: insomma può diventare un social educativo/divulgativo. Non dimenticarti, poi, la fondamentale possibilità di effettuare promozioni (a pagamento) ben mirate e targettizzate.

Instagram

Instagram, più orientato sulle foto, è frequentato da una fascia di età più giovane e in linea con tutto ciò che fa tendenza. Ma non è certo da escludere, anzi. Le immagini sul web sono in grado di suscitare emozioni in modo immediato, quindi Instagram come social network yoga deve essere utilizzato in modo “emozionale”, “esperienziale”. Molto utile per esempio pubblicare foto di corsi o lezioni svolti, ma anche di asana.

Linkedin

Linkedin è un caso a parte, è trasversale, è il social “professionale” per antonomasia ed è utilissimo, oltre che per farsi una solida rete di contatti, anche per divulgare contenuti, per esempio nel caso di un centro yoga, veri e propri articoli sul tipo di yoga proposto, curiosità e informazioni sul settore, etc. Il suo utilizzo può risultare meno immediato dei social descritti in precedenza, ma una volta presa dimestichezza, può dare grande soddisfazioni.

YouTube

Non possiamo non menzionare YouTube: i video, sui social, così come le immagini, “arrivano” in modo diretto e immediato al pubblico di riferimento. E YouTube è un social network yoga dalle grandissime potenzialità. Basta pensare alle yogi che hanno riscosso un grande successo proprio grazie ai video tutorial su questa piattaforma: sono sempre di più le persone che, a casa propria, nella quotidianità, seguono lezioni (gratuite o su abbonamento) di yogi youtuber.

Senza farlo diventare la tua attività primaria, come insegnante o come centro, puoi pubblicare anche tu video tutorial, o dei brevi video su lezioni o eventi che si sono svolti presso il tuo centro o che hai tenuto come insegnante. Anche questo è un modo efficace per fare vedere “da vicino” cosa si propone e soprattutto come lo si propone. Se hai un centro puoi anche girare brevi video per prensentare la tua location, far vedere nei dettagli come è strutturata.

Social network yoga: i nostri consigli

Lo ripetiamo spesso, occuparsi di social sembra immediato ma non lo è affatto: scrivere sui social in modo professionale, per promuovere se stessi e il proprio lavoro, non è per nulla scontato. Bisogna conoscerne le dinamiche, le modalità di promozione pubblicitaria (gestione delle inserzioni) e soprattutto bisogna sapere realizzare dei contenuti che colpiscano l’attenzione dei follower.

Ti consigliamo quindi di “leggere” bene il web e i canali social che hai deciso di “abbracciare”. Ciò significa avere gli obiettivi ben chiari, analizzare la concorrenza e ciò che il target a cui ti stai rivolgendo cerca in rete.

Comprendere cosa propongono gli altri insegnanti/centri yoga e cosa cercano sui social i praticanti è fondamentale per strutturare una tua strategia. Non significa copiare o emulare gli altri. Tutt’altro, significa capire la base da cui partire e individuare un modo di proporti sui social che rappresenti bene il tuo modo di essere (anche un centro yoga, così come ogni attività, ha una sua personalità) e di proporre lo yoga.

Altro suggerimento, anche questo lo abbiamo già detto più volte, è quello di non improvvisare i contenuti, cerca di strutturare un piano editoriale, programmando ciò che vuoi comunicare.

Infine, non essere troppo referenziale: è vero che devi promuovere la tua attività, ma parlare solo di chi si è, di cosa si fa, alla lunga non paga, anzi produce effetti controproducenti. È importante quindi alternare contenuti che riguardano il tuo centro o il tuo lavoro come insegnante con contenuti che riguardano lo yoga ma con un respiro più ampio.

Cosa possiamo fare noi di EventiYoga

Non dimenticare che noi di EventiYoga siamo un team di professionisti specializzati in marketing e comunicazione al servizio di chi opera nel mondo yoga. Contattaci per comprendere al meglio quali sono i social network che fanno al caso tuo.

Tre risorse interessanti per te

Cosa scrivere sui social per avere visibilità

Come usare Linkedin per promuovere un centro yoga?

Come usare Facebook per promuovere il proprio centro?

The following two tabs change content below.

Daniela Stasi

Scrivo per mestiere. Sono giornalista professionista ed esperta in metodologie biografiche e autobiografiche. Mi occupo di comunicazione aziendale (ufficio stampa, brand journalism, corporate storytelling, biografie e storie d'impresa) e di facebook content marketing. Con grande gioia conduco laboratori di scrittura autobiografica. Il mio incubo? Rimanere senza parole...