La cellulite è uno dei nemici delle donne ed è anche considerato uno degli inestetismi più difficili da eliminare; riguarda donne di qualsiasi età e qualsiasi peso e anche se esistono una miriade di prodotti che promettono miracoli resta il fatto che la cellulite spesso resta lì e anche il più duro dei regimi alimentari e di fitness non riesce a farla andare via.

La domande è quindi una e una sola: lo yoga aiuta a ridurre o eliminare la cellulite? 

Come per molte altre “patologie”, lo yoga può essere davvero benefico!

Partiamo dalle basi…

La cellulite è un accumulo di grasso sui tessuti connettivi che, proprio perché non ha lo spazio per muoversi, diventa grumoso e forma dei cuscinetti. I motivi per cui la cellulite si forma sono da ricercarsi nella genetica ma anche nella vita sedentaria, nella predisposizione e nell’età dal momento che con l’avanzare degli anni diminuiscono gli ormoni prodotti dal corpo che aiutano la pelle a restare liscia.

Nonostante sia difficile da credere, ben il 90% delle donne nel mondo è affetta da cellulite almeno una volta nella vita. Il modo migliore per combattere la cellulite o ridurla è fare movimento e seguire una dieta corretta ed è proprio qui che lo yoga viene in soccorso di chi vuole correre ai ripari.

Cellulite: le cause

Tra i vari fattori che possono aumentare la probabilità di avere la cellulite ci sono:

  • Stress;
  • Fumo;
  • Stile di vita sedentario;
  • Disturbi del metabolismo;
  • Fattori ormonali e uso di contraccettivi orali;
  • Genetica;
  • Gravidanza;
  • Aumento di peso e ed effetto yo-yo;
  • Cattiva alimentazione.

Sintomi della cellulite

La cellulite si presenta come un inestetismo cutaneo, nella forma di fossette o piccoli rigonfiamenti sulla pelle.

Nei casi più leggeri o all’inizio, l’inestetismo è visibile solo pizzicando la zona interessata mentre nei casi più importanti è visibile a occhio nudo. Si manifesta principalmente sui fianchi e sui glutei, ma può comparire anche sul torace, nella parte bassa dell’addome e nell’avambraccio superiore.

Non interessa solo le persone in sovrappeso o con qualche chilo in più perché non si tratta necessariamente di una manifestazione legata al peso.

Yoga contro la cellulite

Sono le posizioni che richiedono forza ed equilibrio e che sviluppano forza a garantire i maggiori benefici nella lotta contro la cellulite proprio perché aiutano a rendere i muscoli più tonici e flessibili.

Unire lo yoga ad una qualsiasi attività aerobica (anche solo salire le scale!) e bere un quantitativo importante di acqua ogni giorno aiuta a migliorare la condizione di fianchi, cosce e glutei e a ridurre la cellulite presente in queste tre zone del corpo.

Le tre posizioni dello yoga contro la cellulite

La posizione dell’aquila (Garudasana)

Dal momento che questa posizione implica un lavoro sulle cosce e sui glutei senza dimenticare una costante pressione sulla pancia e lo stomaco, viene considerata una delle posizioni migliori per ridurre gli effetti della cellulite. Inizia piegando le ginocchia quindi appoggia la coscia destra in alto sopra la coscia sinistra. E’ una posizione ottima anche per migliorare la postura e il focus visto che richiede un ottimo equilibrio per funzionare perfettamente.

Plank (Kumbhakasana)

La plank pose, o plancia in italiano, è ottima per scolpire le cosce e tonificarle. La particolarità di questa posizione è che non prevede nessun movimento apparentemente ma in realtà quello che viene stimolato è il “core” ovvero la parte del nostro corpo che ci permette di restare in equilibrio e che contruibuisce a lavorare su cosce, glutei e pancia.

Posizione della candela (Sarvangasana)

Questa posizione, e in generale tutte le posizioni invertite o capovolte, è tra quelle che aiutano il grasso a muoversi e dunque a sciogliersi senza fare apparentemente nessuna fatica almeno sulle parti interessati. Anche in questo caso, però, si lavora sul core e dunque sull’equilibrio che può essere raggiunto solo se teniamo i glutei ben stretti e così cosce e pancia: questo significa che tutte le parti del nostro corpo affette da cellulite, ripetendo questa posizione nel tempo, saranno positivamente affette e ne trarranno benefici.

Se queste posizioni sono le più interessanti per eliminare o ridurre la cellulite, non vanno dimenticate anche l’uttanasana (il piegamento in avanti in piedi) che lavora ancora sulle cosce e i glutei e il ponte (Sarvangasana) che va a stimolare la muscolatura dei glutei rafforzandola e attivando le cellule morte di grasso.

Altri modi per ridurre la cellulite

Oltre allo yoga, ci sono altri metodi per ridurre e combattere la cellulite. Tra questi:

  • Alimentazione proteica: ridurre il consumo di carboidrati a favore delle proteine, animali e vegetali, aiuta a ridurre e combattere la cellulite;
  • Mangiare frutta e verdura: preferire i prodotti che contengono acqua, in quanto aiutano a combattere la ritenzione idrica che causa la cellulite;
  • Esercizio fisico: oltre allo yoga, basta camminare, salire le scale e tenere a mente che più ci muoviamo e più il nostro corpo sta bene e lavora meglio;
  • Evitare fumo e alcol: entrambi fanno perdere elasticità alla pelle facilitando l’accumulo di liquidi;
  • Bere tanta acqua: l’acqua è fondamentale per eliminare i residui di sodio che causano ritenzione idrica. L’acqua può essere sostituita dalle tisane;
  • Docce fredde: l’acqua fredda stimola la circolazione e dunque la mobilità delle cellule;
  • Massaggi e trattamenti: mesoterapia, carbossiterapia, radiofrequenza/cavitazione e laser sono utili per combattere e trattare la cellulite, così come i massaggi appositi.

Tre risorse interessanti per te

Come e perché lo yoga fa dimagrire

Lo Yoga come pratica di lunga vita

Come usare al meglio il portale Eventiyoga se pratichi

The following two tabs change content below.
Giornalista e marketer, aiuta le aziende a stabilire le proprie stratefgie di marketing. Per EY si occupa del marketing online, gestisce i contenuti e ogni tanto scrive articoli di marketing per il blog. Potete contattarla all'indirizzo email veruska@anconitano.com e visitare il suo blog TheFoodellers e il suo sito personale