Valutazione degli altri praticanti su questo evento
Ancora nessun feedback ricevuto.
Prezzo: a partire da 2200€
Data inizio: 26/12/2024
Data fine: 05/01/2025
Orari: 7:00 – 7:30 meditazione 8:00 – 9:00 colazione 10:30 – 12:30 pratica di asana, sessione dinamica 13:00 – 17:00 pranzo e tempo libero 17:00 – 18:30 pratica di asana sessione rigenerante
Indirizzo: Kerala, Bombay
Città: India
Nazione: India
Regione: estero
Stili: Ritiro Yoga Capodanno

Contatti

Riferimento: Alberto
Telefono: mostra numero
Insegnanti: Alberto Vezzani

Ritiro Viaggio in India

Dove andremo?


La prima parte del viaggio si svolgerà nel Kerala, in uno splendido Resort Ayurvedico nel quale potrai praticare Anusara yoga ogni giorno e rigenerarti seguendo la tradizione ayurvedica.

Qui potrai goderti la calma e la serenità dell’isola, con la sua aria fresca e incontaminata.
Il resort ti ospiterà nel suo patrimonio di case tradizionali, dotate di tutti i comfort moderni. Avrai a disposizione un ristorante con specialità del Kerala e menu vegetariano ayurvedico, mezzi per la navigazione all’interno delle lagune del resort, passeggiate nei villaggi e visite presso le realtà di artigianato tradizionale, incontrando la gente del posto.
Vicinissimo al Mar Arabico e alla spiaggia di ANDAKARANAZHY, recentemente dichiarata zona protetta. La spiaggia si trova a pochi km dal resort, facilmente raggiungibile e da cui è possibile ammirare il tramonto.

Il Kerala, regione del benessere nel sud dell’India


Il Kerala si affaccia sull’Oceano Indiano dalla parte del Mare Arabico. È formato da un tratto pianeggiante che percorre lo Stato in tutta la sua lunghezza, alle cui spalle, verso l’interno, si ergono le propaggini più meridionali dei Ghati occidentale.
Le coste sono pianeggianti lungo tutto lo Stato; nei pressi di Kochi vi sono le backwaters, un vastissimo sistema di lagune della lunghezza di 60 km, regno di mangrovie e foreste pluviali: sono tra le attrattive turistiche principali del Kerala. La vegetazione ricopre per intero lo stato, sia in pianura, dove abbondano le palme da cocco, sia nei tratti montuosi, dove vaste foreste si alternano a piantagioni di tè.
Il National Geographic Traveller ha descritto il Kerala tra le 50 destinazioni da vedere una volta nella vita.

Sessioni dinamiche di hatha yoga​ di Meditazione, e classi rigeneranti
La programmazione giornaliera include la meditazione guidata all’alba, la pratica di asana dinamica al mattino e la sessione rigenerante al pomeriggio.
Durante i primi 5 giorni saremo nel resort ayurvedico e sarà possibile prenotare massaggi e trattamenti ayurvedici.
Visiteremo i templi locali e andremo ad incontrare Amma nel suo ashram principale, Amma è la grande santa vivente che abbraccia il mondo ed è ritenuta una incarnazine della Madre Divina.

Visita a Bombay e…


Mumbai, la capitale dello stato indiano del Maharashtra, è uno spettacolare paradosso di caos e speranza, glamour e squallore, modernità e tradizione. Conosciuta come la Città dei Sogni, Mumbai – un tempo nota come Bombay – è uno splendido crogiuolo di culture e stili di vita.
La città assorbe tutto quanto nel suo tessuto, rendendolo unico. Dagli attori emergenti che lottano per sfondare sul grande schermo, alle superstar di Bollywood e ai grandi industriali, fino alle tribù di pescatori e gli abitanti delle baraccopoli.
Uno dei principali centri del Paese per quanto riguarda l’arte, la cultura, la musica, la danza e il teatro, Mumbai è una città dinamica e cosmopolita.
Qui ceneremo con vista sulla spiaggia di Juhu beach, la spiaggia più lunga di Mumbai, ma solo dopo aver onorato il Signore Ganesh nel suo tempio più venerato.

Ricevi le migliori benedizioni per il nuovo anno, direttamente da Ganesha.
Il suo tempio, Siddhi Vinayak
Il Tempio di Siddhivinayak, nella zona di Prabhadevi, è un venerato santuario dedicato al Signore Ganesha ed è uno dei templi più significativi e frequentati di Mumbai.

Si ritiene che qui la statua di Ganesha si automanifesti ed esaudisca i desideri.
Il tempio ha raggiunto uno status popolare non solo perché si ritiene che il Ganesha nel tempio sia particolarmente potente, ma anche per la sua popolarità tra le star del cinema e i magnati dell’industria. È il tempio più ricco di Mumbai, poiché ogni anno riceve donazioni per 100 milioni di sterline dai devoti di tutto il mondo.

Per poi entrare e concludere il nostro ritiro nel Cuore di tutti i luoghi sacri.
Ganeshpury e la tradizione di maestri Yoga di Bhagavan Nityananda
Ganeshpuri è un piccolo villaggio a circa 80 km a nord di Mumbai. È un luogo potente per fare sadhana (pratica spirituale) e per meditare. È davvero raro visitare questo luogo senza sperimentare un’intensa Shakti, o energia spirituale, che qui sembra permeare ogni cosa.

Nityananda arrivò nel 1936 e soggiornò vicino alla fonte d’acqua calda del tempio di Bhimeswar Mahadev, il luogo dove oggi è costruito il suo tempio del Samadhi. Quando i devoti si moltiplicarono, si trasferì in un edificio chiamato Kailash Niwas, che è possibile visitare e dove sono esposte numerose immagini della sua vita.
Nityananda prese mahasamadhi in un altro edificio vicino, chiamato Banglorewala. I rituali tradizionali, tenuti dai brahmini del tempio, si svolgono quotidianamente in entrambi gli edifici.
In modo del tutto naturale, la dimora nella foresta di Bhagwan Nityananda ha cambiato la sua forma in quella di un villaggio molto frequentato.
Il Balbhojan è la manifestazione dell’amore sconfinato e della compassione di Baba per i bambini, che ha portato a preoccuparsi e a pianificare lo sviluppo ed il benessere soprattutto dei poveri e dei bambini locali. Questi includono la fornitura di pasti, l’abbigliamento, l’istruzione primaria, l’alloggio, l’assistenza sanitaria e, cosa più importante, la formazione del carattere. Così facendo, Baba dava l’esempio alla società e il Balbhojan era un simbolo della visione di Baba Nityananda per il futuro.
In media ogni giorno vengono sfamati 250 bambini, 1000 adulti e sadhu.

Ganeshpuri è una terra santa fin dai tempi antichi. Il saggio Vashistha, guru del Signore Rama, tenne qui una Yajna e, secondo le credenze dell’epoca, vi installò il Signore Ganesha in un tempio. Ganeshpuri è stata la dimora del misterioso e potente saggio Bhagwan Nityananda, che vi ha vissuto dal 1936 fino a quando ha lasciato il corpo nel 1961.

Il suo santuario del samadhi è oggi il punto focale del villaggio e attira molte migliaia di pellegrini ogni anno. Swami Muktananda, discepolo di Nityananda, fece di Ganeshpuri la sua stessa casa. Fondò il Gurudev Siddha Peeth Ashram in onore del suo maestro, l’ashram dove Alberto ha trascorso e appreso i fondamenti della sadhana.

Bhagavan Nityananda e la sua Grazia sono la fonte di ispirazione principale per il metodo Anusara yoga.

Per essere un villaggio così piccolo, Ganeshpuri racchiude molte ricchezze spirituali: c’è sempre moltissimo da sperimentare.
Il tempio è bellissimo, tranquillo e sereno. Entrando si avverte subito la calma e la serenità che scende spontaneamente su di noi: il resto del mondo scivola via.
L’attenzione al tempio è rivolta su Bhagwan Nityananda, dato che la maggior parte delle persone che visitano il tempio fissa lo sguardo sulla murti (statua vivente) e rimane immersa nel proprio Sè.

I fiori e le noci di cocco offerti vengono solitamente restituiti ai devoti dopo essere stati benedetti ai piedi di Bhagwan.
I grandi yogi praticavano qui le austerità, nei dintorni della montagna Mandagni, menzionata in molte scritture. Il fiume Tansa scorre nelle vicinanze. Bhagwan Nityananda ha scelto questo antico centro di grande energia spirituale per soggiornare e far rivivere la sua gloria immortale.

Percorreremo la strada dei grandi Siddha, in una pratica di yoga costante
Immersi nel sacro andremo anche…

ALLE SORGENTI DI ACQUA CALDA


Le sorgenti di acqua calda adiacenti al Samadhi Mandir e al Tempio di Shiva sono benedette da Bhagwan Nityananda. La leggenda narra che, durante la Yagna condotta da Maharshi Vashistha (e presieduta dalle Divinità), siano state create queste sorgenti con poteri curativi per il benessere degli onorevoli ospiti. Non c’è dubbio che il luogo possieda la sua forte divinità.

AL SHREE BHIMESHWAR MAHADEV MANDIR


Adiacente al Samadhi Mandir di Baba Nityananda si trova l’antichissimo tempio di Shree Bhimeshwar Mahadev. Questo luogo era completamente desolato, con pochissimi pellegrini, finché Baba non arrivò nel 1936 e si stabilì accanto a questo tempio. In seguito spostò la sua residenza nel suo Ashram chiamato “Vaikuntha”. Ben presto, il Tempio di Bhimeshwar Shiva e l’Ashram di Vaikuntha divennero un potente centro di pellegrinaggio. Spesso l’acqua dal soffitto del tempio misteriosamente gocciolava sul pavimento e si trasformava in uno Shiva Lingam.

AL MANDIR DI BHADRAKALI


Il tempio della Devi Bhadrakali fu concepito da Baba Nityananda secondo il desiderio della stessa Devi e fu allestito per la prima volta nel suo ashram. Il tempio attuale sorse successivamente.

Al MANDIR DI GOPAL KRISHNA


Il Gopal Krishna Mandir ospitava in precedenza un’immagine in pietra di Nandi. Durante la costruzione la statua di Nandi doveva essere spostata, ma non fu possibile farlo nemmeno con quindici persone. Baba Nityananda allora consigliò di rompere una noce di cocco e il compito fu portato facilmente a termine. Baba stesso consacrò l’idolo del Signore Krishna e il Nandi di pietra fu trasformato nella mucca di Krishna. Ogni giorno fedelmente vengono celebrati la Puja e regolarmente Krishna Janmashtami.

E al tempio della Dea a Vajreshwari


A circa 3 km da Ganeshpuri, il famoso tempio della Devi Vajreshwari è sede di potenti shakti e attrae devoti da ogni dove.

Feedbacks

Lascia un commento di feedback su questo evento per riportare l'esperienza che hai vissuto.
Non dimenticare di esprimere il tuo parere dando un voto utilizzando il classico sistema con le stelline.
Condividi la tua opinione e aiuta altri praticanti a fare la loro scelta!