posizione del cammello

Nuovamente sulle pagine del nostro blog con un altro articolo sulle posizioni yoga, gli articoli in cui illustriamo nei dettagli un asana, descrivendone il significato, i benefici, le eventuali controindicazioni e la corretta esecuzione, passo dopo passo. Questa è la volta di Ustrasana, la posizione del cammello. Prenditi del tempo tutto per te, mettiti comodo sul tappetino e… buona lettura e buona pratica!

Il significato della posizione del cammello nello yoga

La posizione del cammello risulta indubbiamente tra le più praticate. Prima di vedere da vicino su cosa agisce e come si esegue, vediamo il suo significato. Chiamata in sanscrito Ustrasana, da ustra, “cammello” e asana, “posizione”, per via della schiena inarcata, evoca la gobba di un cammello – anche se tra i suoi benefici ha quello di correggere la postura, quindi paradossalmente previene la gobba.

A cosa serve la posizione del cammello

Ustrasana è in grado di donare un benessere profondo sia al corpo che alla mente perché sollecita gruppi muscolari essenziali e contribuisce a migliorare l’empatia di chi la pratica.

Ustrasana
Foto by Alessandro Sigismondi

Posizione del cammello benefici

I benefici di Ustrasana sono diversi, in linea generale ha effetti positivi sia sulla postura, come anticipato, sia sull’umore, perché va a lavorare sul quarto chakra, quello del cuore. Ma vediamo nel dettaglio cosa è in grado di fare questa posizione:

  • rinforzare e tonificare i muscoli della colonna vertebrale, in particolare quelli della zona lombare;
  • alleviare i dolori dovuti alla sciatalgia;
  • allungare la muscolatura della parte anteriore del corpo;
  • rilassare il collo, le spalle e le gambe;
  • contrastare la rigidità della schiena;
  • migliorare l’elasticità del diaframma e dei polmoni, e quindi il funzionamento del sistema respiratorio;
  • influenzare l’umore;
  • donare maggiore apertura nei confronti di se stessi e degli altri.

La posizione del cammello e il chakra del cuore

Ustrasana agisce su Anahata, il quarto chakra, quello del cuore. Perché? La risposta è semplice: essendo situato al centro del petto, viene ampiamente sollecitato dalla posizione del cammello yoga. In questa posizione, infatti, il torace è particolarmente allargato, le scapole tendono a unirsi tra loro e il torso si apre verso l’alto. Pertanto l’emotività ne risente in modo positivo e si sprigionano così tutte le ernergie dal chakra del cuore.

Nell’articolo Colori Chakra: i colori dei 7 chakra e perché conoscerli abbiamo illustrato uno a uno tutti i chakra, qui ricordiamo che il quarto, Anahata, è associato al verde e rappresenta l’amore incondizionato per sé stessi e gli altri. Quando questa area è in equilibrio, ci sentiamo più aperti agli altri e abbiamo maggiore facilità nel dare amore ed essere amati.

Come eseguire la posizione del cammello

Ed eccoci all’esecuzione del cammello yoga. Te la spieghiamo punto per punto.

Iniziamo col dire che è bene fare questa posizione dopo Urdhva Dhanurasana, la posizione yoga dell’arco, oppure dopo Bhujangasana: tutto sulla posizione yoga del cobra, entrambe, infatti, preparano la schiena alla flessione all’indietro.

Urdhva Dhanurasana prima della posizione del cammello
Urdhva Dhanurasana, la posizione yoga dell’arco
Bhujangasana
Bhujangasana, la posizione yoga del cobra

Posizionati sul tappetino inginocchiandoti con le cosce appena allargate come l’apertura del bacino e perpendicolari al pavimento.

Appoggia poi le mani sui glutei e inarca lentamente la schiena indietro. A inarcatura completa, porta le mani sulle caviglie, facendo presa con i palmi delle mani sui talloni.

Fai attenzione ad aprire bene il petto, allarga le spalle e lascia cadere la testa all’indietro. Mantieni la posizione per 8-10 respiri inspirando ed espirando.

Per uscire dalla posizione, abbassa il bacino e torna alla posizione di partenza.

Varianti della posizione per principianti

Se non sei molto flessibile o sei all’inizio della pratica, ti consigliamo di eseguire questa variante della posizione di cammello.

Posizione di partenza, Vajrasana, la posizione yoga del diamante.

VAJRASANA posizione di partenza per Ustrasana
Vajrasana, la posizione yoga del diamante

Con le mani afferra le caviglie e sollevati sulle ginocchia, avanzando con il petto e inarcando la schiena. Rilassa il collo facendo cadere la testa all’indietro. Mantieni la posizione fin quando riesci. Ritorna alla posizione iniziale in modo leto e graduale.

Controindicazioni e precauzioni da prendere quando si pratica Ustrasana

La posizione non è indicata se soffri di ipertensione, cefalea e ipertiroidismo. Da evitare anche se soffri di insonnia e di lombalgia.

Nei principianti, la posizione cammello yoga può causare nausea e giramenti di testa. Tieni conto che, praticando e prendendo man mano dimestichezza con la posizione, non avvertirai più alcun malessere.

Una precauzione da prendere se avverti dolore nel tenere le cosce perpendicolari al pavimento è il sostegno di una parete: con le ginocchia a terra, esegui la posizione appoggiando le cosce al muro spingendo contro di esso per allinearle alle ginocchia.

Consigli per principianti

La posizione di cammello non è particolarmente semplice, soprattutto se il corpo non ha ancora raggiunto un’elevata flessibilità. Ecco perché, come già detto, è consigliabile eseguirla dopo asana che agevolano l’apertura del petto e l’inarcamento della schiena all’indietro.

E dopo? A causa dell’intensità di questo asana, in genere viene tradizionalmente seguito da un breve periodo di rilassamento in Savasana. Dopo avere eseguito Ustrasana, infatti, il battito cardiaco spesso è accelerato, mentre il respiro è profondo e lento.

Savasana da eseguire dopo la posizione del cammello
Savasana, la posizione yoga del cadavere

Importante, non ti scoraggiare se le prime volte fai fatica. Vedrai che grazie alla costanza riuscirai a godere di tutti i benefici che Ustrasana è in grado di offrire a mente e corpo. Così come non devi scoraggiarti, non devi nemmeno forzarti troppo. Ricorda sempre di ascoltare il tuo corpo e di rispettare i tuoi limiti.

Corso consigliato

Il Corso Completo di Anatomia e Fisiologia dello Yoga per scoprire i benefici che offrono gli asana ed evitare gli errori nella pratica.

Impara tutto quello che devi sapere sull’anatomia e la fisiologia in relazione allo yoga.

Perfetto per insegnanti, praticanti, terapisti o chiunque voglia una comprensione più profonda di come funziona il corpo umano in relazione agli asana dello yoga.

Il corso con si svolge in modalità online, con spiegazioni semplici e video dimostrativi.

Corso completo di anatomia e fisiologia dello yoga

Questo corso di fisiologia e anatomia è ottimo per chi ha bisogno di una conoscenza di base per praticare al meglio ed avere tutti i benefici dello yoga. 

Personalmente mi piace molto come è strutturato, gli insegnanti spiegano al meglio e in parole semplici come siamo fatti e ciò che avviene nel nostro corpo. Bellissimo!

-Francesca Garau

Già acquistato da oltre 335 studenti, il corso è un must per chi desidera insegnare yoga o avere una comprensione più profonda dell’anatomia in relazione allo yoga.

Il corso si svolge in modalità online, con spiegazioni semplici e video dimostrativi: 45 video lezioni registrate (per un totale di 15 ore), condotte da un’insegnante dall’India: Anant Jethuri, che dà supporto per eventuali domande e chiarimenti.

Le lezioni sono in italiano e, una volta completato il corso, si acquisisce la certificazione YACEP di Yoga Alliance.

Letture consigliate

Anatomia dello yoga. Consigli per la corretta esecuzione delle asana di Abby Ellsworth: un testo per conoscere le tecniche di respirazione più appropriate e una varietà di asana da comporre in sequenze adeguate sia per i principianti, quanto per i più esperti. In sostanza, si tratta di istruzioni passo a passo che spiegano come eseguire ogni esercizio, per avviare un programma quotidiano.

Libro anatomia dello yoga Setu Bandha Sarvangasana; tra le posizioni anche Anjaneyasana
Anatomia dello Yoga di Abby Ellsworth

Yoga anatomy. 79 posizioni con descrizione tecnica ed analisi anatomica di Leslie Kaminoff e Amy Matthews: l’obiettivo di questo manuale è quello di presentare gli elementi dell’anatomia che risultano essere più utili a coloro che praticano o insegnano yoga. Con istruzioni chiare e specifiche e disegni anatomici dettagliati a colori, descrive in particolare gli asana più conosciuti e fornisce una comprensione più approfondita delle strutture del corpo e dei principi alla base del movimento umano e dello stesso yoga. Dunque, il lettore viene messo nella condizione di osservare attentamente come vengono usati i singoli muscoli nelle varie attività, come piccole modifiche di una posizione possano aumentarne o ridurne l’efficacia e come la colonna vertebrale, la respirazione e la posizione del corpo siano strettamente interconnesse tra di loro.

Libro Yoga anatomy tra le posizioni anche Anjaneyasana
Yoga anatomy. 79 posizioni con descrizione tecnica ed analisi anatomica

Alcune risorse interessanti per te

Le posizioni dello yoga: guida illustrata a tutti gli asana

Tutti i benefici dello yoga: dalla A alla Z

Gli stili di yoga: guida completa

Perché iniziare a fare yoga

Sequenze yoga: Guida completa


Scarica l’APP di Eventi Yoga

Ogni mese scegli tra centinaia di vacanze, retreat, viaggi e corsi di yoga per tutti i gusti.

Cerca l’evento che più ti piace direttamente dalla App, chiedi informazioni, e prenota con un click!

Scarica App EventiYoga
Scarica l’App di Eventi Yoga. E’ gratuita

per iOS | per Android


Calendario Eventi Yoga online

Puoi consultare il calendario eventi anche online con numerosi weekend, vacanze, ritiri e corsi yoga.

Cerca qui gli eventi yoga di tuo interesse divisi per mese e regione.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter – Per te subito un Bonus!
Iscriviti alla Newsletter – Per te subito un Bonus!
The following two tabs change content below.

Daniela Stasi

Scrivo per mestiere. Sono giornalista professionista ed esperta in metodologie biografiche e autobiografiche. Mi occupo di comunicazione aziendale (ufficio stampa, brand journalism, corporate storytelling, biografie e storie d'impresa) e di facebook content marketing. Con grande gioia conduco laboratori di scrittura autobiografica. Il mio incubo? Rimanere senza parole...